Wimbledon Tennis Court

Torneo di Wimbledon

Wimbledon è il più importante torneo di tennis inglese. Rientra nella serie di eventi del Grande Slam, ovvero i quattro principali tornei di questo sport. È il terzo in ordine di tempo, visto che si svolge tra giugno e luglio, proprio nel quartiere londinese di Wimbledon.

Una delle particolarità che rende questo torneo speciale rispetto agli altri Slam è che si gioca sull’erba. Nel corso di questo articolo vedremo alcune info che devi assolutamente conoscere quando si parla di Wimbledon. Ripercorreremo un po’ di storia e ti metteremo alla prova con alcune domande, a cui dovrai rispondere per ritenerti un vero esperto di Wimbledon. 

Vedremo inoltre qualche record e curiosità su un evento che rappresenta un punto di riferimento mondiale per tutto il settore del tennis. Devi sapere infatti che Wimbledon è il torneo più antico al mondo, nato addirittura nel 1877. Da quel momento ha regalato sempre grandissime emozioni, sia ai giocatori stessi che agli spettatori. La finale, ad esempio, è seguita in diretta da milioni di persone in tantissimi paesi. Appassionati da tutto il mondo si fermano per godersi lo spettacolo che solo Wimbledon riesce a regalare.

Wimbledon – Cose da sapere

  • Fondazione: il primo torneo di Wimbledon si gioca nel 1877 e da quel momento l’evento si è sempre svolto, tranne che per gli anni delle guerre mondiali e del Covid.
  • Grande Slam: nel 1933 nasce questa definizione da parte di un giornalista e Wimbledon, insieme agli U.S. Open, al Roland Garros e agli Australian Open, vi entra a far parte.
  • Quando e dove si gioca: l’evento si svolge a Wimbledon, storico quartiere di Londra, tra giugno e luglio.
  • Su che terreno si gioca: è l’unico torneo del Grande Slam che si svolge sull’erba.
  • Quali categorie si disputano: vi sono cinque categorie e per la precisione i singolari donne e uomini, i doppi donne e uomini e il doppio misto.
  • Valore del Montepremi: questo è un dato difficile da dare, visto che solitamente varia anche in base a determinati fattori come gli sponsor. Nel 2022 l’ammontare del montepremi poi distribuito ai vari partecipanti e vincitori è stato di oltre 40 milioni di sterline.
  • Numero di set: le partite sono al meglio dei cinque set; bisogna quindi conquistarne almeno tre per vincere.
  • Partite: nel torneo singolare maschile un tennista per arrivare in finale deve superare i primi quattro turni, poi i Quarti e la Semifinale.
  • Partecipanti: all’inizio del singolare maschile vi sono 128 giocatori.

Breve storia di Wimbledon

Per parlare dell’intera storia di Wimbledon ci vorrebbero interi libri, visto che si tratta di quasi 140 edizioni (è il torneo di tennis più antico al mondo). Di conseguenza di eventi e aneddoti da raccontare ce ne sarebbero davvero tanti. In questa parte del nostro approfondimento vogliamo però soffermarci sui punti salienti.

La nascita del torneo avviene nel 1877. Il noto “All England Lawn Tennis and Croquet Club”, che inizialmente si occupava solo di cricket, decise di creare questo evento di tennis. Il primo torneo ebbe un importante successo per l’epoca. Vi parteciparono 22 giocatori e la vittoria andò a Spencer Gore, noto anche per essere l’inventore della volée.

Il 1884 fu poi un importante momento anche per le donne. Wimbledon, questa volta dopo gli Irish Championship, decise di creare un evento per le tenniste. La prima edizione fu vinta da Maud Watson, che in finale batté la sorella Lilian.

Il torneo proseguì senza particolari rivoluzioni nelle regole e nell’organizzazione fino al 1922, dopo l’interruzione causata dalla Prima Guerra Mondiale. Nel corso di quest’anno arrivano due novità che stravolgeranno la manifestazione. La prima riguarda la posizione, visto che fino a quel momento il torneo si svolgeva a Worple Road. Gli organizzatori, a causa della fatiscenza di quell’impianto, decidono di crearne uno nuovo. Comprano quindi un enorme terreno a Church Road, dove tuttora sorgono i campi che ospitano le gare. L’altra grande rivoluzione è l’abolizione del Challenge Round. In poche parole, fino a quel momento i vincitori del torneo si guadagnavano automaticamente la finale del torneo successivo. In questo modo era davvero molto semplice creare dei cicli e vincere ripetutamente l’evento, visto che dovevano giocare una sola partita.

Nel 1927 viene reintrodotto il sistema delle teste di serie, cosicché i migliori giocatori possano affrontarsi solo nella parte finale del torneo.

Il 1933, invece, è l’anno in cui nasce l’espressione Grande Slam. Questo grazie a due personaggi, e cioè il giocatore australiano Jack Crawford e il giornalista del New York Times John Kieran. Il primo aveva vinto Australian Open, Roland Garros e Wimbledon e stava per partecipare agli US Open. Il giornalista disse quindi che la vittoria anche del quarto torneo avrebbe rappresentato un Grande Slam. Da quel momento l’espressione è entrata a far parte del mondo del tennis.  

Un momento assolutamente importante per Wimbledon è il 1968. Questo è l’anno che per molti addetti ai lavori rappresenta il momento esatto in cui nasce il tennis moderno. Wimbledon si apre infatti anche ai giocatori professionisti, visto che fino a quel momento potevano parteciparvi solo gli atleti amatoriali. Ovviamente, la qualità del gioco cresce e tutto diventa molto più interessante.

Fino ad oggi non ci sono state regole che hanno cambiato radicalmente il torneo, ma solo grandissimi giocatori che hanno fatto innamorare milioni di tifosi.

Wimbledon: DAZN Bet Quiz

Ti senti preparato su Wimbledon? Allora ecco per te una serie di domande a cui ogni appassionato del torneo inglese deve sapere rispondere.  

Chi ha il maggior numero di titoli consecutivi di Wimbledon?

Nell’epoca Open con il torneo aperto ai giocatori professionisti il record di vittorie consecutive nella categoria maschile è condiviso tra Roger Federer e Björn Borg, con cinque titoli ciascuno. Nella categoria femminile spiccano invece i sei trionfi consecutivi di Martina Navrátilová.

Chi è il giocatore di maggior successo di tutti i tempi a Wimbledon?

Il tennista più vincente di sempre di Wimbledon è almeno per ora lo svizzero Roger Federer. Nel corso delle sue 15 partecipazioni ha vinto ben otto tornei. Dopo di lui troviamo anche Novak Djokovic, almeno tra i giocatori in attività. Tra le donne c’è invece l’americana Martina Navrátilová, con nove successi.

Quanti campioni di Wimbledon non testa di serie ci sono stati?

Fino ad oggi, solo due tennisti che sono partiti all’inizio del torneo senza essere testa di serie sono riusciti a vincere Wimbledon. Parliamo di Boris Becker nel 1985 e di Goran Ivanisevic nel 2001. Oltre a loro ci sono stati infatti giocatori che hanno raggiunto la parte finale di Wimbledon, ma senza poter alzare il trofeo.

Un italiano o un’italiana hanno mai vinto Wimbledon?

Al momento nessuna giocatrice o giocatore italiano ha mai vinto il torneo di Wimbledon. Nel 2021 Matteo Berrettini ha però sfiorato l’impresa arrivando in finale contro Novak Djokovic. Il serbo lo ha tuttavia sconfitto per 3 set a 1, nonostante il vantaggio iniziale dell’azzurro.