Serie C Campo de Calcio

Il campionato italiano di serie C

È la terza serie professionistica del calcio italiano. Il campionato delle città piccole, dei piccoli-grandi sogni e dei grandissimi cuori forti. La Serie C è esattamente questo: il grande mondo degli irriducibili. È il campionato dei tifosi che vanno allo stadio sotto la pioggia, che esultano alle prodezze del bomber di provincia. È la serie dei tifosi che gridano a squarciagola in curva, per 90 minuti e anche di più. 

Dalla Serie C sono passati calciatori e atleti di ogni risma. I ragazzi di provincia che hanno iniziato giocando nei campetti vicino casa e poi, con sudore e fatica, hanno raggiunto il calcio professionistico. Le stelle folgoranti che hanno saputo sfruttare la vetrina della Serie C per guadagnarsi il palcoscenico della B e infine della A. E ancora, nomi eccellenti che a fine carriera sono diventati allenatori e hanno dato del loro meglio per portare le squadre delle piccole città in Serie B o addirittura in A. Si pensi, in anni recenti, alla bella favola del Sassuolo, che da formazione di provincia è diventata una presenza fissa della Serie A. 

La Serie C in pillole:

  • Il campionato di Serie C (abbreviato in Serie C) nasce nel 1935, sulla scia di una riforma delle competizioni nazionali iniziata nel 1929.
  • È il terzo campionato professionistico di calcio in Italia, dopo la Serie A e la Serie B (oggi serie BKT).
  • Oggi competono in Serie C ben 60 squadre, suddivise in tre gironi da 20 squadre ciascuno. La suddivisione in gironi è in base alla provenienza geografica. 
  • Sono promosse in Serie B le tre squadre vincenti di ogni girone. Si aggiudica la promozione anche la squadra vincitrice dei play-off che si disputano a fine stagione. 
  • Fanno un passo indietro in Serie D 9 squadre. Retrocedono le ultime classificate dei tre gironi e le squadre che hanno perso ai play-off: 2 per girone. Sono sempre 9 le squadre che salgono in B dalla quarta serie. 

La rocambolesca storia della Serie C

Il campionato di Serie C nasce ufficialmente nel 1935, quando l’ultima di una serie di riforme federali dà vita a un nuovo torneo. La Serie C è pensata per diventare la terza competizione calcistica italiana dopo la Serie A e la Serie B. Il campionato prende il via con 64 squadre suddivise su base geografica in 4 gironi da 16. L’edizione inaugurale è vinta da Venezia, Cremonese, Spezia e Catanzarese, promosse tutte in B. L’anno successivo si passerà a una formula a 5 gironi. 

Al termine della Seconda guerra mondiale, nella stagione 1945-1946, la Serie C viene temporaneamente suddivisa in Lega Nazionale Alta Italia e Lega Nazionale Centro-Sud. L’anno successivo (1946-1947) le leghe diventano 3. La Lega Interregionale Nord (9 gironi), la Lega Interregionale Centro (6 gironi) e infine la Lega Interregionale Sud (3 gironi). Questa organizzazione dura però soltanto per due stagioni. 

Con il passare degli anni le formule, il numero dei gironi e quello delle squadre partecipanti alla Serie C subiscono continue modifiche. Il 1948 è l’anno del ritorno alla formula iniziale dei 4 gironi (Nord-Ovest, Nord-Est, Centro e Sardegna, Sud e Sicilia). A fine stagione vengono promosse in Serie B il Fanfulla, l’Udinese, il Prato e il Catania. 

Nel 1952, si passa a un girone unico. Solo 18 squadre partecipano alla nuova Serie C. Verranno promosse soltanto 2 squadre, la prima e la seconda classificata. Saranno invece retrocesse in Serie D ben 4 squadre. Nel primo anno di questa ennesima rivoluzione salgono in B il Pavia e l’Alessandria. Ma già nel 1958 si decide per un ritorno ai 3 gironi. Questa organizzazione dura fino alla seconda metà degli anni Settanta. 

Nel 1978, infatti, la Serie C viene divisa in due. La Serie C1 è composta da 2 gironi e la Serie C2 è composta da 4 gironi. Questo formato, con minime variazioni, sopravviverà fino al 2017

Il 1993 è l’anno delle sperimentazioni. In C1 vengono introdotti i play-off (che decretano le promozioni) e i play-out (che determinano le retrocessioni). Inoltre, si sperimenta per la prima volta in Italia la regola che assegna 3 punti per ogni vittoria. Successivamente questo criterio sarà introdotto in tutti i campionati italiani di calcio. Nella stagione 1993-1994 passano in B il Chievo, il Perugia, la Salernitana e il Como. Ma solo dopo turbolenze legate a illeciti e fallimenti societari. 

Con il nuovo millennio la Serie C cambia ancora. Nel 2008 nasce una nuova denominazione: la Lega Italiana Calcio Professionistico. All’inizio resta la suddivisione in due leghe: Lega Pro Prima Divisione e Lega Pro Seconda Divisione. A partire dalla stagione 2014-2015, però, la federazione cambia idea e decide di optare per un ritorno alle origini. Nasce quindi la Lega Pro. 

Ma ancora una volta la novità dura poco, anzi pochissimo. Nel 2017-2018 ricompare la primissima denominazione di Serie C. Il terzo campionato d’Italia torna alle origini. 

Nell’ultima stagione 2021-2022 i gironi sono vinti da Südtirol, Modena e Bari. È promosso in B anche il Palermo, squadra vincitrice dei play-off. 

Serie C: DAZN Bet Pop Quiz

Sei un vero appassionato di calcio? Non riesci a dormire se non hai guardato gli highlights dei gol di Serie C? Oppure sei soltanto curioso di scoprire qualcosa in più sull’affascinante mondo della terza competizione calcistica italiana? Dai un’occhiata al Pop quiz che trovi qui sotto. 

Quale squadra ha vinto più titoli nella storia della Serie C?

La squadra che ha vinto più titoli nella storia della Serie C è il Prato. Ha trionfato per 6 volte durante le stagioni 1940-1941, 1945-1946, poi 1948-1949, 1956-1957, 1959-1960 e 1962-1963. Sono invece 5 i campionati vinti della Reggiana. Hanno vinto 4 volte il Monza, il Bari, il Salernitana, il Catania, la SPAL e la Ternana. Si fermano a 3 campionati il Modena, il Catanzaro, il Lecce, il Parma, il Novara, il Perugia e la Reggina. 

Chi è il miglior marcatore di sempre della Serie C? 

Il calciatore che vanta più gol messi a segno in Serie C è Felice Evacuo. L’ex-giocatore campano ha segnato la bellezza di 178 gol tra il 2000 e 2022. Seguono Gianni Califano con 163 gol, Renato Campanini con 155, Erminio Bercarich con 152. E ancora Eupremio Carruezzo con 150 gol e Silvano Magheri, a quota 145. Chiudono la classifica dei 10 migliori capocannonieri di sempre in Serie C Giuseppe Ostramann con 139 reti, Luciano De Gara con 131, Rachid Arma e Giorgio Borgo, entrambi fermi a 130. 

Qual è la squadra che vanta più partecipazioni in Serie C? 

Al primo posto nella classifica delle partecipazioni alla Serie C c’è il Piacenza, con 38 presenze totali. Seguono a breve distanza il Lecce, con 35, e poi il Cosenza e il Rimini, entrambi a quota 31 partecipazioni. 

Quale squadra detiene il maggior numero di vittorie in una edizione del campionato di Serie C? 

Il maggior numero di vittorie in un campionato di Serie C è 28. Questo record è stato stabilito dall’Avellino durante la stagione del 1972-1973. Successivamente, anche la Ternana ha eguagliato questo record, durante la stagione 2020-2021.