Mondiali Femminili trofeo e pallone ufficiale

FIFA Mondiali Femminili

È il sogno nel cassetto di ogni ragazzina appassionata di calcio. Sollevare al cielo la Coppa del Mondo, e prenotare per sempre un posto nella leggenda. La FIFA Mondiali Femminili è la manifestazione di calcio femminile per nazionali più importante al mondo. Fin dalla prima edizione, disputata in Cina nel 1991, è l’appuntamento più atteso da giocatrici e tifosi. L’occasione che vale un’intera carriera, il passaporto per la gloria sportiva. Perché chi vince un mondiale non è mai un ex-campione. È un campione del mondo per sempre. L’edizione del 2023 si svolgerà in Australia e Nuova Zelanda. Ai blocchi di partenza 32 squadre, provenienti dalle 6 confederazioni continentali: Africa, Asia, Centro-Nord America e Caraibi, Sud America, Oceania, Europa. Ogni area organizza un torneo di qualificazione per definire le squadre che parteciperanno alla fase finale. 

L’Europa avrà diritto a portare 11 squadre, l’Asia 5, 4 a testa per Africa e Centro-Nord America e Caraibi, 3 per il Sud America, 2 per l’Oceania. Gli ultimi tre posti sono stati assegnati con un torneo che ha visto coinvolte 10 squadre provenienti dalle 6 confederazioni. Lo scorso 22 ottobre si è svolto il sorteggio dei gruppi per la fase finale del torneo, in programma dal 20 luglio al 20 agosto 2023. Caccia aperta alle campionesse in carica degli Stati Uniti, che guidano anche l’albo d’oro della competizione con 4 trionfi. Mettetevi comodi, lo spettacolo del Mondiale sta per iniziare!

La FIFA Mondiali Femminili in pillole 

  • La prima edizione del Campionato del mondo di calcio femminile si è tenuta in Cina dal 16 al 30 novembre 1991.
  • È la manifestazione calcistica femminile riservata alle nazionali più importante al mondo. Si svolge ogni quattro anni. 
  • Gli Stati Uniti sono la nazionale ad aver vinto più volte la coppa: 4. Segue con 2 vittorie la Germania, 1 a testa per Norvegia e Giappone.
  • La finale del 1999 tra Stati Uniti e Cina è stato l’incontro più seguito della storia del calcio femminile, con 90.185 spettatori. 
  • La brasiliana Formiga detiene il record di partecipazioni, avendo preso parte a 7 edizioni del Mondiale.
  • La classifica assoluta dei marcatori è guidata dalla brasiliana Marta da Silva, con 17 reti realizzate in 5 edizioni tra il 2003 e il 2019. 
  • Il record di gol in una sola edizione appartiene invece alla statunitense Michelle Akers, capace di segnare 10 gol nell’edizione del 1991.
  • La vittoria con il margine più ampio è quella tra Stati Uniti e Thailandia nel 2019: 13-0.
  • Le edizioni del 2015 e del 2019 sono quelle dove si sono segnati più gol: 146.

FIFA Mondiali Femminili: una Storia Affascinante 

La storia della Coppa del mondo di calcio femminile è molto più recente rispetto a quella maschile. Nacque all’inizio degli anni Novanta per volere dell’allora presidente FIFA João Havelange, determinato ad avere un torneo calcistico per nazionali femminili di calcio. La prima edizione della manifestazione si svolse in Cina dal 16 al 30 novembre 1991. Inizialmente assunse il nome di Women’s World Championship. 

Alla prima manifestazione presero parte 12 squadre. A vincere furono gli Stati Uniti, che ebbero la meglio sulla Norvegia per 2 a 1. Quattro anni più tardi, nel 1995, la manifestazione si spostò in Svezia. Fu la stessa Norvegia a sollevare il trofeo, rifacendosi della sconfitta dell’edizione precedente grazie al 2-0 in finale ai danni della Germania.

L’edizione 1999, ospitata negli Stati Uniti, segnò una svolta nella competizione. Per la prima volta tutte le partite ebbero una copertura televisiva. Inoltre, il numero di partecipanti fu esteso a 16 nazionali. Nella finalissima giocata al Rose Bowl di Pasadena, davanti a 90.185 tifosi, gli Stati Uniti superarono la Cina ai calci di rigore. La prima edizione dei campionati degli anni Duemila si disputò nel 2003, ancora negli Stati Uniti. La Cina, originariamente designata come nazione ospitante, fu colpita infatti da un’epidemia di Sars. 

In quell’occasione la Germania vinse per la prima volta la coppa battendo in finale la Svezia con il risultato di 2-1. A decidere le sorti della gara fu un golden goal di Nia Künzer nel primo tempo supplementare. Nel 2007 la manifestazione approda nuovamente in Cina. Le campionesse in carica della Germania si riconfermano sul gradino più alto del podio battendo 2-0 il Brasile in finale. 

La prima edizione degli anni Duemiladieci si svolse in Germania, nel 2011. Ad avere la meglio fu il Giappone, al termine di un match tiratissimo contro gli Stati Uniti. La gara si decise solo ai calci di rigore, dopo l’1-1 dei tempi regolamentari e il 2-2 dei supplementari.

L’edizione del 2015 si giocò in Canada. Le squadre partecipanti alla fase finale della manifestazione aumentarono a 24. In finale andò in scena il remake dell’edizione precedente tra Giappone e Stati Uniti. Questa volta, però, ad avere la meglio furono le americane grazie a un netto 5-2

L’ultima edizione si è tenuta nel 2019 in Francia. Ancora una volta, la quarta nella storia, a trionfare furono gli Stati Uniti. Nell’atto conclusivo di Lione, le americane hanno sconfitto i Paesi Bassi con il risultato di 2-0

La prima edizione degli anni Duemilaventi è in programma in Nuova Zelanda dal 20 luglio al 20 agosto 2023. Le squadre partecipanti saranno per la prima volta 32.

FIFA Mondiali Femminili: le giocatrici che hanno fatto la storia della competizione 

Tra le giocatrici che hanno fatto la storia della FIFA Mondiali Femminili  c’è sicuramente la brasiliana Marta Da Silva. La bomber verdeoro detiene il record di gol segnati in tutte le edizioni della manifestazione. Sono 17 i centri messi a referto tra il 2003 al 2019. Nell’edizione del 2007 ha segnato 7 gol, conquistando la Scarpa d’oro del campionato mondiale come migliore marcatrice e il Pallone d’oro come migliore giocatrice del torneo. Nonostante questo, Marta da Silva non ha mai vinto la coppa con la sua nazionale. L’attaccante ha vinto per sei volte, di cui cinque di seguito, il riconoscimento come migliore giocatrice al mondo. Ha conquistato infatti tutte le edizioni del FIFA World Player of the Year dal 2006 al 2009, il Pallone d’Oro FIFA nel 2010 oltre all’edizione del 2018 del The Best FIFA Women’s Player. 

Mia Hamm è una vera e propria leggenda del calcio femminile e dei Campionati del mondo di calcio. Con la maglia degli Stati Uniti ha vinto la manifestazione in due occasioni, nel 1991 e nel 1999. Fu convocata per la prima volta in nazionale quando aveva solo 15 anni. È la giocatrice ad aver segnato più gol nella storia con la maglia degli Stati Uniti: 158 in 276 presenze. Ha vinto per due volte il titolo come migliore giocatrice al mondo, nel 2001 e nel 2002. 

Birgit Prinz è stata per 17 anni la colonna della nazionale tedesca, di cui ha indossato la fascia di capitana tra il 1997 e il 2011. Di ruolo attaccante, si è laureata due volte campionessa del mondo, nel 2003 e nel 2007. Con la maglia della Germania ha conquistato anche tre Campionati europei. È stata nominata per tre volte consecutive migliore giocatrice al mondo, vincendo il FIFA World Player of the Year dal 2003 al 2005. Sempre nel 2003, è stata indicata come migliore giocatrice della FIFA Women’s World Cup, vincendo il Pallone d’oro. Nella stessa edizione del torneo ha vinto la classifica delle marcatrici con 7 reti all’attivo.

FIFA Mondiali Femminili 2023: com’è andata l’ultima edizione

La nona edizione della FIFA Women’s World Cup 2023 si è svolta dal 20 luglio al 20 agosto 2023. Due sono state le nazioni ospitanti: Australia e Nuova Zelanda. Ad aggiudicarsi la competizione è stata la Spagna, al suo primo successo iridato. La nazionale guidata da Jorge Vilda ha battuto in finale l’Inghilterra con il risultato di 1-0. Il gol che ha deciso la partita è stato segnato al 29’ del primo tempo da Olga Carmona Garcia. La Spagna succede nell’albo d’oro agli Stati Uniti, che hanno abbandonato la competizione agli ottavi di finale, eliminati ai rigori dalla Svezia. Proprio la Svezia si è classificata al terzo posto battendo con il risultato di 2-0 le padrone di casa dell’Australia.

Per la prima volta sono state 32 le squadre ammesse alla fase finale del torneo. Con più partite disputate, è stato battuto anche il record di pubblico: 1.978.274 spettatori complessivi, con una media di 30.911 a match. Questa edizione ha stabilito anche il record di gol: 164. Per ogni partita la media è stata di 2,59 reti. Homare Sawa ha vinto il Golden Boot, il riconoscimento che va alla giocatrice che ha segnato più gol. Cinque in tutto i gol messi a tabellino dalla calciatrice giapponese. Durante l’edizione di questi mondiali è stato stabilito un altro record, ovvero quello della calciatrice più giovane di sempre a fare l’esordio nella manifestazione. Casey Phair, sudcoreana, è scesa in campo nella partita contro la Colombia ad appena 16 anni e 26 giorni di età.

FIFA Mondiali Femminili 2019: Com’è Andata l’ultima Edizione 

L’edizione 2019 della FIFA Mondiali Femminili  è stata l’ottava della storia. Si è svolta in Francia, dal 7 giugno al 7 luglio. La fase finale del torneo ha visto impegnate 24 squadre. Sono state giocate in tutto 52 partite e segnati 146 gol, con una media di 2,81 reti per match. Per la prima volta in una Coppa del mondo di calcio femminile è stata impiegata la tecnologia del VAR. Dopo le qualificazioni, le 24 squadre che hanno ottenuto il pass per la manifestazione in Francia sono state divise in 6 gironi da 4 formazioni ciascuno. Agli ottavi di finale si sono qualificate le prime due di ogni gruppo, oltre alle quattro migliori terze. 

Dopo i quarti di finale, sono rimaste in corsa per la vittoria Inghilterra, Svezia, Paesi Bassi e Stati Uniti. Nella prima semifinale, gli USA hanno battuto l’Inghilterra con il risultato di 2-1. I Paesi Bassi hanno invece avuto ragione della Svezia con una rete messa a segno soltanto nei tempi supplementari. Nella sfida per aggiudicarsi il terzo posto, la Svezia ha quindi battuto l’Inghilterra 2-1. 

La finale si è giocata il 7 luglio 2019 al Parc Olympique Lyonnais di Lione, davanti a 57.900 spettatori. I gol decisivi sono arrivati nel secondo tempo della sfida. Ha aperto le marcature Rapinoe su rigore al 61’, prima del raddoppio di Lavelle otto minuti dopo. Le campionesse degli Stati Uniti hanno così bissato il successo di quattro anni prima in Canada. Grazie a questa doppietta, la coach Jillian Ellis è divenuta la prima allenatrice a vincere due Mondiali di fila. Primato condiviso a livello maschile con il leggendario Vittorio Pozzo, guida tecnica dell’Italia campione del mondo nel 1934 e nel 1938. 

Le migliori marcatrici del torneo sono state l’inglese Ellen White e le statunitensi Megan Rapinoe e Alex Morgan, capaci di mettere a segno 6 reti ciascuna. Megan Rapinoe è stata nominata anche migliore giocatrice del torneo. La tedesca Giulia Gwinn è stata invece scelta come la giovane giocatrice migliore del torneo. Il riconoscimento al miglior portiere è stato assegnato alla olandese Sari van Veenendaal. 

FIFA Mondiali Femminili: il Quiz di DAZN Bet

Pensi di sapere tutto sulla FIFA Women’s World Cup? C’è solo un modo per scoprirlo: prova a rispondere correttamente alle domande del quiz di DAZN sui Campionati del mondo di calcio femminili. Testa le tue conoscenze su record, statistiche e storia di questa competizione. Dimostra di essere un vero esperto!

Chi ha vinto più volte la FIFA Mondiali Femminili ?

Il team più presente nell’albo d’oro della FIFA Mondiali Femminili  sono gli Stati Uniti, trionfatori in quattro edizioni. La nazionale a stelle e strisce precede la Germania, a quota due vittorie, e Norvegia e Giappone, ferme a un titolo. Il primo successo delle americane è arrivato nel 1991, dopo aver superato in finale la Norvegia con il risultato di 2-1. Vittoria replicata anche nel 1999, davanti al pubblico di casa, battendo in finale la Cina. La sfida, inchiodata sullo 0-0, si risolse dopo i calci di rigore con il risultato di 5-4. Per conquistare la terza Coppa del mondo della loro storia, gli Stati Uniti devono aspettare l’edizione 2015, organizzata in Canada. Le americane ebbero facilmente la meglio sul Giappone per 5-2. Le ragazze di coach Ellis si sono confermate campionesse anche quattro anni dopo in Francia, con un 2-0 ai danni dei Paesi Bassi.

Quali sono le calciatrici più vincenti di tutti i tempi? 

Il record di vittorie della FIFA Mondiali Femminili per una calciatrice è 2. Sono 28 le giocatrici ad aver raggiunto questo traguardo: 12 della Germania e 14 degli Stati Uniti. La calciatrice ad aver vinto più partite nelle fasi finali della Coppa del mondo di calcio femminile è la statunitense Kristine Lilly: 25. Jillian Ellis è invece l’allenatrice che ha vinto più volte la manifestazione. Dal doppio passaporto, inglese e americano, ha guidato al successo gli Stati Uniti nelle edizioni del 2015 e del 2019.

Qual è la partita con il record di spettatori della storia della FIFA Mondiali Femminili ? 

Il record di spettatori per una partita della FIFA Mondiali Femminili appartiene alla finale dell’edizione 1999, svoltasi il 10 luglio allo stadio Rose Bowl di Pasadena. In quell’occasione furono 90.185 gli spettatori del match tra Stati Uniti e Cina, facendone l’evento più partecipato nella storia del calcio femminile. L’edizione 1999 della competizione è quella che ha registrato anche la media spettatori più alta: 37.319. In assoluto, il record di spettatori per una sola edizione appartiene alla FIFA Mondiali Femminili tenutasi in Canada nel 2015. In tutto furono 1.353.506. 

Quanto guadagna la nazionale vincitrice della FIFA Mondiali Femminili?

Nell’ultima edizione della FIFA Mondiali Femminili del 2019, la squadra vincitrice ha ricevuto un premio di 4 milioni di dollari. La finalista sconfitta ha avuto diritto a 2,6 milioni di dollari. Riconoscimenti in denaro sono stati assegnati anche alle altre squadre. La terza e quarta classificata hanno ricevuto rispettivamente 2 milioni di dollari e 1,6 milioni di dollari. 

Le nazionali che si sono fermate ai quarti di finale hanno avuto un premio di 1,45 milioni di dollari. Chi non è andato oltre gli ottavi ha avuto diritto a 1 milione di dollari. Per tutte le altre squadre il premio è stato di 750.000 dollari. Secondo quanto dichiarato dal presidente della FIFA Gianni Infantino, dall’edizione del 2023 ci sarà un cospicuo aumento. Il totale dei premi salirà infatti a 110 milioni di dollari, rispetto ai 30 milioni dell’edizione del 2019.